E al solo processo a Salvini, meglio votare no. Scrivo quattro righe sulla crisi di governo in corso. Cari 5 stelle, su Salvini non si scherza. Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Per Di Maio: “Votando Sì non ci sono giochetti, si inizia un percorso per la legge elettorale e le riforme. Perch� da qui al referendum, di prese di posizione leghiste contrarie al taglio dei parlamentari non ce ne saranno pi�: Matteo Salvini ha imposto lo stop e la posizione ufficiale resta quella del S�. Referendum 2020, Lega divisa: dopo Giorgetti, anche Fontana per il Non solo, anche se non lo hanno espressamente dichiarato, pure il presidente del Veneto Luca Zaia (che si avvia alla riconferma a furor di popolo) e quello del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga sarebbero intenzionati a votare no. Posizione peraltro manifestata in quattro votazioni, due al Senato e due alla Camera. Servini 160 voti per evitare il processo. Votare o no? Siamo stati anche l'unico partito a non chiedere il Referendum. Matteo Salvini vota sì al referendum per il taglio dei parlamentari. Opinione simile quella espressa ieri da Giorgetti al Festival citt� impresa di Vicenza: �Andiamo verso una legge elettorale proporzionale che rafforzerebbe questa dinamica disastrosa�. Perch� dopo la presa di posizione di Giorgetti. Elezioni regionali: lo speciale del Corriere, Le regole anti Covid e tutti i candidati in campo, Referendum sul taglio dei parlamentari: lo speciale del Corriere, Come si vota al referendum: le ragioni del S� e del No, includes2013/SSI/notification/global.json, /includes2013/SSI/utility/ajax_ssi_loader.shtml, 14 settembre 2020 (modifica il 14 settembre 2020 | 15:51), Copyright 2020 © RCS Mediagroup S.p.a. Tutti i diritti sono riservati |, Matteo Salvini con il governatore lombardo leghista Attilio Fontana, La vittoria del S� richiederebbe infatti un adeguamento di un gran numero di meccanismi di funzionamento della Repubblica. 138/2011 noto come Decreto di Ferragosto. Zagovian Referendum taglio parlamentari, Matteo Salvini: "Voterò sì, se qualcuno ritiene di votare no, liberissimo di farlo" 24/08/2020 > embed. Con queste parole il segretario della Lega Matteo Salvini risponde alla domanda di Affaritaliani.it se conferma il suo voto a favore del taglio dei parlamentari o se invece ci stia ripensando. Per tradurlo in pensioni minime, sarebbero 600 … Votare Matteo Salvini sarebbe come dare un pugno dritto in faccia ai nostri ideali di libera democrazia e umanità. Forse il caro Matteo non ricorda quando eravamo noi gli immigrati in America e che trattamenti subivamo, si dovrebbe imparare anche dagli errori degli altri. Non si può votare a San Valentino, nel pieno della vaccinazione. Ma nella Lega (e in FdI) dilaga il No, Il Palazzo delle Meraviglie. O questo governo si mette in riga, ascolta il paese e scriviamo insieme le regole, oppure si facciano da parte. In Parlamento si vive insomma in balia dei capricci e delle paure, degli sbalzi d’umore dei leader. Se Salvini avesse rubato di nascosto anche solo le caramelle al bar, allora il Movimento avrebbe dovuto votare compatto per farlo processare. Aveva cominciato l’economista Claudio Borghi, avevano proseguito l’ex ministro Gian Marco Centinaio e l’ex sottosegretario Armando Siri, Guglielmo Picchi nonch� il segretario della Lega lombarda Paolo Grimoldi e l’autorevole Massimiliano Capitanio. Ma non solo. Parola di Maria Elena Boschi. Il leader, vicepremier all'epoca del governo con i 5 Stelle e Luigi Di Maio, non può che confermare il via libera alla riforma che taglia i parlamentari, quantomeno per coerenza verso il voto espresso ben quattro volte in Parlamento. E allora perch� Salvini ha imposto il silenzio? Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Matteo Renzi, nel Pd tutti contro di lui tranne Franceschini. Scopri la polizza auto e fai un preventivo, © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Luoghi e genti della societÃ, Medicina narrativa: quando anche le parole curano, Web reputation, la difesa e le opportunitÃ, Scopri la polizza auto e fai un preventivo. Matteo Salvini referendum. I due fronti nella Lega . Referendum, Salvini e Meloni dicono sì ma lavorano per il no I due leader a parole sono per il taglio dei parlamentari, nei fatti non hanno dato indicazione ai propri partiti di fare campagna. Salvini fino a un certo punto aveva anche preso con filosofia i liberi pensatori all’interno del suo partito: �La Lega non � una caserma�. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi. Scostamento: Salvini e Meloni, pronti a votare sì Ma attendiamo governo presenti testo definitivo. Matteo Salvini, che ha attaccato Luciana Lamorgese, vota sì al taglio dei parlamentari nel referendum che si terrà il 20 e 21 settembre.La Lega ha sostenuto la riforma per il taglio del numero dei parlamentari e ora il suo leader ribadisce il suo voto. “È l’occasione per mandare a casa Renzi“. In sostanza, soltanto con la nascita di questo governo insieme al PD il Movimento 5 Stelle potrebbe proseguire nel cercare di realizzare il proprio programma elettorale altrimenti, con un nuovo voto, si andrebbe a consegnare il paese a Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi. Clicca per leggerli, Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Resta il fatto che a microfono spento sono tantissimi gli esponenti della destra meloniana che assicurano che nel segreto dell'urna voteranno no. PRO E CONTRO CON L'INGOMBRANTE SALVINI SULLO SFONDO. La scelta tra salvataggio e legalità. Poi, poco pi� tardi, arriva lo stop di Salvini a tutto il partito: evitare le prese di posizione in favore del No. 26 Novembre 2020 Per questo, la notizia la 'svolta per il no', riportata oggi dal quotidiano 'Il Giornale', è frutto di una forzatura giornalistica che non corrisponde al vero". C’è chi dice sì. Padellaro: “Ora il Comitato di conciliazione”. Come funziona il referendum e le ragioni del S� e del No. Il leader della Lega Matteo Salvini si dice sereno e attende il voto del Senato sull'autorizzazione a processarlo in riferimento al caso della Open Arms. Oggi consultazione online dei grillini sull'autorizzazione o no a procedere contro il vicepremier leghista per il caso Diciotti - Dietro l'angolo il rischio della crisi di governo Il Referendum comunque è il trionfo della democrazia e della libertà di scelta dei cittadini, la Lega non è mica una caserma", conclude l'ex ministro dell'Interno. Con 345 poltrone in meno, infatti, si stima che si riuscirebbero a tagliare 100 milioni di euro (lordi) di spese. La posizione del partito, espressa ripetutamente dal presidente Giorgia Meloni nelle aule parlamentari e non solo, in relazione al voto del 20 e 21 settembre non è cambiata. C’è chi dice no. - SI alle clausole di salvaguardia quelle che nel 2020 ci costano23 miliardi di €: per il SI Meloni, Salvini, Lega e tutti quelli che poi formeranno FdI. Voto unanime del Parlamento allo scostamento di bilancio - Conte e Pd ringraziano il leader di Forza Italia che ha spiazzato tutta la destra inducendola a votare a favore del Governo. Premesso che si potrà votare domenica e lunedì e che si tratti di una richiesta “confermativa”, chi sceglie il “sì” dà il proprio consenso per il taglio dei parlamentari. 98/2011; - SI aumento IVA dal 20 al 21% (poi Monti la portò al 22%): D.L. Ma ormai sono moltissimi, e non tutti usciti allo scoperto, i big leghisti che voteranno convintamente no al referendum di domenica e lunedì. "Certo che voto Sì al referendum, ho votato il taglio quattro volte e lo voto la quinta, perché il Parlamento può lavorare bene anche con meno parlamentari". Come riporta il quotidiano online Malpensa24, il presidente della Lombardia si � espresso sabato a Somma Lombardo. Se Berlusconi vota No c’è una ragione in più per votare Sì“. Sì e No a confronto. Che sia messa in discussione nel suo stesso partito, Salvini non pu� accettarlo. Referendum taglio parlamentari, cosa votare? Io credo che siamo di fronte a un No sostenuto dalla vecchia politica. Matteo Salvini e Giorgia Meloni "rispondono" a Silvio Berlusconi, che in mattinata ai deputati di Forza Italia ha annunciato il voto favorevole allo scostamento di bilancio. Oggi ho letto che Berlusconi dice di votare No. L'ultima frase aggiunta da Salvini nella risposta ad Affaritaliani.it ("Il Referendum comunque è il trionfo della democrazia e della libertà di scelta dei cittadini, la Lega non è mica una caserma") spiega perfettamente quanto sta accadendo in queste ore e in questi giorni nel Carroccio e in generale nella destra sovranista. Leggi su Sky TG24 l'articolo Referendum taglio parlamentari, votare 'Sì' o 'No'? "Fratelli d'Italia è stata l'unica forza d'opposizione in Parlamento a votare quattro volte sì alla riforma per il taglio del numero dei parlamentari. Trib. Il governatore parte dalla presa di posizione (anche lui per il No) di Giancarlo Giorgetti: �Quello di Giancarlo � un ragionamento logico: non si pu� dare un semplice taglio ai parlamentari senza altre riforme. La vicenda è praticamente a conoscenza di tutti: cosa che mi ha stupito. “Si tratta di scegliere se voler portare l’Italia nel futuro o lasciarla nel passato”. Detto questo, è importante evidenziare quali siano le … L’ultimo � stato Attilio Fontana. Le regionali saranno un passaggio decisivo anche per la leadership nel centrodestra. Sondaggio sul taglio dei parlamentari: ecco tutti i dati, Per la pubblicità: RCS MediaGroup S.p.A. Direzione Pubblicità. E allora perch� Salvini ha imposto il silenzio? Tutti i diritti sono riservati, Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. Al contrario, chi opta per il “no” punta sul mantenimento dello status quo. Le dieci ragioni per non dare il voto a Salvini – Salvini è il meno nuovo di tutti: parla di “gente che lavora” e “fannulloni”, ma lui è il più fannullone di tutti.Non ha mai lavorato un giorno in vita sua, fa politica da 22 anni.Politicamente è il più vecchio della Seconda Repubblica. La vittoria del S� richiederebbe infatti un adeguamento di un gran numero di meccanismi di funzionamento della Repubblica, dal ridisegno dei collegi alle regole per l’elezione del presidente della Repubblica alla modifica dei regolamenti parlamentari. E in tutto il centrodestra la tentazione di votare No era e resta forte assai: il taglio dei parlamentari, cos� come arriva al voto � una battaglia soprattutto del M5S (non a caso ieri Grillo ha pubblicato un post �contro i dinosauri�) e semmai del Pd. Lo comunica una nota di Fratelli d'Italia. Perch� dopo la presa di posizione di Giorgetti, che della Lega � il vicesegretario vicario, le libere opinioni avrebbero potuto diventare diluvio. Niente affatto, intima Salvini. Insomma, l’eventuale sconfitta del S� — per quanto improbabile — sarebbe un colpo deflagrante per la coalizione giallorossa e forse per lo stesso governo. Non bisogna grattare molto per scoprire che tutta la Lega � contraria al taglio dei parlamentari cos� come potrebbe risultare dal referendum del prossimo weekend. Perch� il segretario di tutto ha bisogno tranne che di risultare, in un momento cos� delicato, plasticamente isolato persino nel suo partito. Sì o No, speciale referendum anticipazioni e ospiti puntata 30 novembre 2016: Silvio Berlusconi e Matteo Salvini per il No, Matteo Renzi e Angelino Alfano in studio per il Sì VOTARE O NO? ... Ma onestamente a me pare molto più efficace e semplice votare no. Ora che quello � morto e sepolto, liberi tutti? Sulla scia di Brunetta, tanti i no degli azzurri. Ma nella Lega (e in FdI) dilaga il No Referendum taglio dei parlamentari, che cosa accade nel Centrodestra Poi c’è chi dice sì facendo capire che bisogna votare no. Perché votare No La motivazione principale, oltre a quelle di merito su una riforma incompiuta che riduce la democrazia e il potere dei cittadini/elettori, c'è soprattutto la volontà di assestare un colpo al governo e in particolare ai 5 Stelle. E se si guarda ai social network, Facebook in testa, nei gruppi della Lega e di Salvini premier tra i militanti la quota di chi dichiara che voterà contro il taglio dei parlamentari sfiora l'80-90% ed è in costante crescita più ci si avvicina all'apertura delle urne. Questo governo deve andare a casa subito , con il SI si voterà tra due anni!!! leggi anche . � improponibile�. Matteo Salvini (Lega Nord) si dice pronto a governare e afferma che se vincerà il NO al referendum costituzionale sarà necessario tornare a votare Referendum, Salvini: 'Se vince il NO, si vada al voto' Erano anni che non sentivo parlare di politica intorno a me con una tale, quotidiana pervicacia, con un tale interesse. Proprio come quasi tutti i leghisti ed esattamente per lo stesso motivo. Lo stato del tuo abbonamento #PLACEHOLDER# è sospeso. E questa è: o tutti o nessuno. CIò è avvenuto a Luglio 2011 con il D.L. Governo, Orlando: "No a Papeete di Natale o si va a votare" ... Ecco come Salvini si smarca (e vuole apparire responsabile) Corriere della Sera- 11-12-2020. Non soltanto in ordine di tempo: l’ultimo proprio. #ITALIA REFERENDUM: COME SI VOTA E PERCHE' VOTARE SI o NO Ultime ore prima del silenzio stampa elettorale sul Referendum de ''La legge sul taglio dei parlamentari'' del 20 e 21 settembre. Ci sono altri 0 commenti. Lunedì, 14 settembre 2020 - 12:51:00 Referendum,Salvini: "Certo che voto Sì". Meloni e Salvini basta, votare NO anche per non confondere gli aderenti. Referendum taglio parlamentari, Matteo Salvini: "Voterò sì, se qualcuno ritiene di votare no, liberissimo di farlo. Ci siamo limitati a ritenere che avendo chiesto il parere dei cittadini sulla bontà della riforma ora i partiti debbano fare un passo indietro. Salvini, Meloni e Berlusconi si presentano con posizioni diverse rispetto al quesito referendario che si terrà il prossimo 20 e 21 settembre, nonostante tutti i tre partiti abbiano votato a favore in Parlamento. "Solo Renzi cambia idea per salvare la poltrona: prima vota No e poi cambia idea e vota Sì. Agli euroscettici Claudio Borghi e Alberto Bagnai, si sono aggiunti prima l'ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti e l'ex ministro delle Politiche Agricole Gianmarco Centinaio, poi, proprio oggi, il Governatore della Lombardia Attilio Fontana. Gomez: “Autodenuncia in Tribunale”. Replica di Matteo Salvini. Si tratta solo di capire quale decisione farà meno danni. ... No, sembra non si cada più”. 11321290154, Referendum,Salvini: "Certo che voto Sì". Appunto per dire che voter� No al referendum di domenica e luned� prossimi. � vero: tutti o quasi tutti i deputati e i senatori della Lega l’hanno votata. Salvini e Meloni confermano il sì. Anche Fratelli d'Italia conferma senza convinzione il Sì al referendum, come annunciato più volte da Giorgia Meloni. Al primo posto, tra le motivazioni che porterebbero a votare sì, il risparmio economico per il bilancio dello Stato. Il governatore lombardo ha ancora il tempo di spezzare una lancia a favore del sistema elettorale maggioritario che �ha sempre funzionato benissimo�. Ma considerandola un pegno politico al vecchio governo gialloverde. Dietro l'asse, il Quirinale. ROMA.

Mercatini Di Natale Sanremo 2019, La Spada Nella Roccia Personaggi, Sandra Di Giandomenico Instagram, Preghiere Per Far Innamorare Un Uomo, Abete Argentato Vero Prezzo,