I primi due sono figure legate al culto del tempio; il terzo è un ebreo scismatico, considerato come uno straniero, pagano e impuro, cioè il samaritano. Il silenzio nell’adorazione non è solo assenza di parole; è dialogo orante del cuore; è offerta del proprio tempo a Lui; è desiderio di intimità. Adorazioni eucaristiche 16-17visualizza scarica, Due schemi per Adorazione eucaristica per il tempo di Pasqua, nome file: ador-euc-16-17.zip (13 kb); L’amministratore disse tra sé: “Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? (da Avvenire, Padre Ermes Ronchi giovedì 29 agosto 2019 ), Se vuoi ripeti le parole :“ Signore, sei stato per noi un rifugio di generazione in generazione.”, “Vieni, Consolatore perfetto, ospite dolce dell’anima,dolcissimo sollievo.”. E il risultato non è una sottrazione ma un potenziamento: Tu sai quanto è bello dare e ricevere amore, quanto contano gli affetti della famiglia, ebbene io posso offrirti qualcosa di ancora più bello. A noi invece, quello che facciamo in chiesa alla domenica o in una cena con gli amici sembrano mondi che non comunicano, parallele che non si incontrano. Anche … Egli è colui del quale sta scritto: “Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero, davanti a te egli preparerà la tua via”. Tre testi per l'Adorazione Eucaristica comunitaria meditando il Vangelo delle domeniche del Tempo Ordinario- Anno A XXIª-XXIIª e XXIIIª. Uno solo sentirà le onde dell’infinito che vengono ad infrangersi sul promontorio della sua vita e una mano che bussa alla porta, come un appello a salpare. Devono interrogarsi sui propri desideri e sulla visione che hanno della vita. Ideata per il … La rinuncia che Gesù chiede non è un sacrificio, ma un atto di libertà: esci dall’ansia di possedere, dalla illusione che ti fa dire: “io ho, accumulo, e quindi sono e valgo”. Da Gesù nessuna richiesta di confessare o espiare il peccato, come del resto non accade mai nel Vangelo; quello che Gesù dichiara è il suo bisogno di stare con lui: “devo venire a casa tua. Perché “Dio non è Dio dei morti, ma dei viventi”. Per questo invitare Gesù a pranzo era correre un bel rischio, come hanno imparato a loro spese i farisei. Perché la domanda decisiva dell’ultimo giorno non sarà: vediamo quanto pulite sono le tue mani, o se la tua vita è stata senza macchie; ma sarà dettata da un altro cuore: hai lasciato dietro di te più vita di prima? Gesù, uomo armonioso e realizzato, non separava mai vita reale e vita spirituale, le leggi fondamentali sono sempre le stesse. I fiumi battano le mani, esultino insieme le montagne davanti al Signore che viene a giudicare la terra. Sei tu? Quello gli rispose: “Tuo fratello è qui e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo”. (…) Il padre ha recuperato il figlio perduto, e ora può anche restituirlo a suo fratello! ANNO (A) 2019/2020. Ognuno di noi, farsi la domanda e rispondere nel cuore: “Io ci credo? A chi è solo, Dio fa abitare una casa, fa uscire con gioia i prigionieri. Ignorare la sofferenza dell’uomo, cosa significa? Adorazione eucaristica basata sulla elaborazione di "Una conversazione con Gesù", testo di Sant’Antonio Maria Claret. Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. inserito il 25/11/2012; 11950 visualizzazioni, 7. I miei connazionali? È lo scandalo della misericordia incondizionata. E mentre la logica della nostra storia sembra avanzare per esclusioni, per separazioni, per respingimenti alle frontiere, il Regno di Dio è la terra nuova che avanza per inclusioni, per abbracci, per accoglienza. nome file: ador-euc-190.zip (106 kb); Prima di leggere il commento, scegli una frase del brano letto e ripetila più volte guardando Gesù. Con il Signore è la stessa cosa. adorazione eucaristica Ci prepariamo a vivere l’apertura imminente del Giubileo straordinario della Misericordia proseguendo la lettura della Bolla di indizione di papa France- sco. […] Ecco, ogni giorno egli si umilia, come quando dalla sede regale discese nel grembo della Vergine; ogni giorno egli stesso viene a noi in appa- renza umile. Unico miracolo di cui abbiamo bisogno. Dio è amore e sorgente di felicità. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta”. LibreriadelSanto.it, Qumran2.net, dal 1998 al servizio della pastorale, Adorazione Eucaristica meditando il Vangelo della domenica, Adorazione Eucaristica meditando il Vangelo della Domenica, Tre adorazioni dalla 21a alla 23a domenica, Cammino di preghiera parrocchiale: quattro schemi per, Anno della Fede - Adorazioni da preghiere eucaristiche, Dalle preghiere eucaristiche alcuni suggerimenti per l', Pubblicazione di quattro pagine con testi biblici, preghiere, brevi testimonianze. Lo si fa per amoreCommento a cura di Maria Teresa Visonà. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? C’è una piccola parola che cambia tutto nella preghiera del pubblicano e la fa vera: «tu». Il Signore ti custodirà quando esci e quando entri, da ora e per sempre. 29Ma quegli, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è il mio prossimo?». Il miracolo del seme e del lievito che non si «spegne» Sei tu o no quello che il mondo attende?. Adorazione Eucaristica; Confessioni; Santo Rosario; Segreteria; qui metteremo i testi. Salva te stesso e noi!». Manifesto per l'appuntamento dell'adorazione eucaristica. Salve a voi visitatori del sito. Adorazione eucaristica a cura di Nessuno di noi ne ha la certezza; molti ne hanno la speranza; alcuni, hanno la pretesa e l’ardire di riderci sopra, facendosi gioco di chi, in questo aldilà, ha riposto molto più che una speranza. Là sono posti i troni del giudizio, i troni della casa di Davide. Anche agli apostoli, abbiamo sentito, sembrava di avere una fede piccola… ma, anche se minuscola come un granello di senape, è Gesù che fa il resto. Gesù allora conclude: «Fa’ questo e vivrai» (v. 28). I fatti che Gesù elenca non hanno cambiato il mondo, eppure quei piccoli segni bastano perché non consideriamo più il mondo come un malato inguaribile. Lo fa con parole che sembrano cozzare contro la bellezza e la forza dei nostri affetti, la prima felicità di questa vita. Oggi: adesso, subito; ecco l’amore che ha sempre fretta; ecco l’istante che si apre sull’eterno, e l’eterno che si insinua nell’istante. E sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Adorazioni Eucaristiche per la XXVII-XXVIII-XXIX-XXX-Domenica del T.O anno B. nome file: ador-27-28-29-30-dom-to-b.zip (543 kb); Adorazione Eucaristica per la Giornata per la Vita. La parabola termina lasciando il finale sospeso: non sappiamo cosa abbia deciso di fare il figlio maggiore. Siamo tutti chiamati a percorrere lo stesso cammino del buon samaritano, che è figura di Cristo: Gesù si è chinato su di noi, si è fatto nostro servo, e così ci ha salvati, perché anche noi possiamo amarci come Lui ci ha amato, allo stesso modo. dopo Natale anno C. nome file: ador-1-2-3-4avv-1dom-doponatale.zip (692 kb); Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace. “La sorpresa: il padrone loda chi l’ha derubato. “Un uomo non vale mai per quanto possiede, o per il colore della sua pelle, ma per la qualità dei suoi sentimenti “(M. L. King). O sublimità umile, che il Signore dell’universo, Dio e Figlio di Dio, così si … Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!». Ecco il metodo sconcertante di Gesù: cambia i peccatori mangiando con loro, cioè condividendo cibo e vita; non cala prediche dall’alto del pulpito, ma si ferma ad altezza di occhi, a millimetro di sguardi. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti». Adorazione Eucaristica giovedi 09-01-2020. inserito il 14/07/2018; 1511 visualizzazioni, l'autore è Paolo Ugolini, contatta l'autore, 32. inserito il 17/08/2014; 4632 visualizzazioni, l'autore è diac. inserito il 25/04/1999; 18076 visualizzazioni, 24. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”». Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Padre degli orfani e difensore delle vedove è Dio nella sua santa dimora. (dal Sl 89) Canterò in eterno l’amore del Signore, di generazione in generazione farò conoscere con la mia bocca la tua fedeltà, T.: Perché ho detto: «È un amore … Non dice: Zaccheo, scendi e cambia vita; scendi e andiamo a pregare… Se avesse detto così, non sarebbe successo nulla: quelle parole Zaccheo le aveva già sentite da tutti i pii farisei della città. 33Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto lo vide e n’ebbe compassione. «Dio esaudisce sempre: non le nostre richieste, le sue promesse» (Bonhoeffer). 30Gesù riprese: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico e incappò nei briganti che lo spogliarono, lo percossero e poi se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Adorazione Eucaristica meditando il Vangelo della domenica   2visualizza scarica. Ma quel prontamente di Gesù non si riferisce a una questione temporale, non vuol dire «subito», ma «sicuramente». Ora Qumran ha bisogno di te. Nel Vangelo di oggi si parla di un granello di senape. Adorazioni Eucaristiche per la XXXI-XXXII-XXXIII-XXXIV-Domenica del T.O anno B. nome file: ador-31-32-33-34-dom-to-b.zip (449 kb); Oppure, quale donna, se ha dieci monete e ne perde una, non accende la lampada e spazza la casa e cerca accuratamente finché non la trova? Avvenne che un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo. Adorazioni eucaristiche 10-13 1 visualizza scarica. Adorazioni Eucaristiche per: fine anno civile, Battesimo del Signore, II , III e IV Domenica del tempo ordinario, anno A. nome file: adorazioni-gen-2011.zip (563 kb); Lodatelo per le sue imprese, lodatelo per la sua immensa grandezza. Il peccatore si scopre amato. In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Ora siamo pronti ad ascoltarlo: Dal Vangelo secondo Matteo Mt 11,2-11  In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». E disse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». Magari avremmo preferito starcene a casa a guardare la TV o fare qualcos’altro ed invece proprio la fede in Gesù ci ha spinti ad uscire per compiere questo atto d’amore. Sollevate il capo, e guardate lontano, perché la realtà non è solo questo che si vede: c’è un Liberatore, il suo Regno viene, verrà con il fiorire della vita in tutte le sue forme. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Adorazioni eucaristica per la I-II-III-IV domenica di Avvento e per il Natale del Signore, anno B. nome file: ador-dic-2011.zip (182 kb); Condividi questa pagina, Scegli la piattaforma! Pacem in terris: un impegno permanente. Allora andò a mettersi al servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei suoi campi a pascolare i porci. Anche nella situazione più brutta della vita, Dio mi attende, Dio vuole abbracciarmi, Dio mi aspetta. Insegnaci a contare i nostri giorni e acquisteremo un cuore saggio. Ma voi… è bellissimo questo «ma»: una disgiunzione, una resistenza a ciò che sembra vincente oggi nel mondo. Gesù non sottrae amori, aggiunge un “di più”. Quando hai bisogno, Qumran ti dà una mano, sempre. Il Vangelo convoca all’impegno, al tenace, umile, quotidiano lavoro dal basso che si prende cura della terra e delle sue ferite, degli uomini e delle loro lacrime, scegliendo sempre l’umano contro il disumano (Turoldo). Cos'è l'adorazione; Chi può adorare; Come si adora; Dove si adora; Quando si adora; Perché adorare; Preghiere di adorazione; Rosari Eucaristici; Canti di adorazione; Scritti sull'Eucaristia. Ora siamo pronti ad ascoltarlo: In quel tempo, Gesù diceva ai discepoli:  «Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Conclusa la parabola, Gesù ribalta la domanda del dottore della Legge e gli chiede: «Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?» (v. 36). Allora, agli apostoli che dicono: «Accresci in noi la fede!» Gesù risponde proprio questo: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe». Li farà forse aspettare a lungo? E dei mille doni che i giorni recano, delle forze di bontà e di bellezza all’opera in ogni essere. Ricordati di me, prega la paura, sarai con me, risponde l’amore. Avrete allora occasione di dare testimonianza. Il problema è che i sadducei non hanno fatto i conti con l’oste, e non hanno capito chi era il loro interlocutore. Non c’è comandamento più umano. Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe. Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo. E allora il loro “giochetto” con Gesù (che riprende, in burla, la storia di Sara e Tobi) è volto veramente a prendersi gioco della speranza, sia di quella futura sia di quella terrena: per chi nasce disperato, povero, abietto, emarginato, per chi è incapace a produrre e generare vita, pensare di avere una possibilità o una speranza è fuori da ogni logica, né ora né mai. E così, un po’ alla volta, aumenta la nostra fiducia in Lui, aumenta la nostra fede. Alla luce di tutto quello che hai vissuto fino ad ora intercedi a favore dei tuoi fratelli e sorella di cellula e per le persone del tuo oikos, UNO PER UNO!…la tua adorazione è un dono per loro, Se vuoi ripeti le parole :“Hai preparato, o Dio, una casa per il povero”, Possibile frase da ripetere più volte come invocazione: “Vieni, padre dei poveri, vieni, datore dei doni, vieni, luce dei cuori.”. 35Il giorno seguente, estrasse due denari e li diede all’albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e ciò che spenderai in più, te lo rifonderò al mio ritorno. Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Uno vive per prendere e avere, uno invece è generoso con gli altri di pane e di amore. Il banchetto è un vero protagonista del Vangelo di Luca. (…), Fatevi degli amici donando ciò che potete e più di ciò che potete, ciò che è giusto e perfino ciò che non lo è! Quello rispose: “Cento barili d’olio”. 26Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Senza vedere questo pianeta avvelenato e umiliato e la casa comune depredata dai nostri stili di vita insostenibili. I dubbi non diminuiscono la fede del profeta. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Si scandalizzano i soldati, gli uomini forti: se sei il re, usa la forza! Adorazione Eucaristica meditando il Vangelo della domenica   1visualizza scarica, Adorazioni Eucaristiche dalla XXVIII Domenica del tempo ordinario B alla XXXIII Domenica del tempo ordinario, anno B - Dom. Adorazione Eucaristica: «Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?»visualizza scarica. nome file: ador-pregh-eucaristiche.zip (308 kb); E se il primo che entra in paradiso è quest’uomo dalla vita sbagliata, allora non c’è nulla e nessuno di definitivamente perduto, nessuno è senza speranza. Per un po’ di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: “Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi”». Uno solo sta sulla soglia e veglia sui germogli che nascono in lui, attorno a lui, nella storia grande, nella piccola cronaca, mentre l’altro non si accorge di nulla. di Pasqua- anno C, nome file: adorazioni-d-pasqua-c.zip (831 kb); Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie». Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se io non mi avvicino a quell’uomo, a quella donna, a quel bambino, a quell’anziano o a quell’anziana che soffre, non mi avvicino a Dio. “Vieni Spirito Santo ed aiutaci a vegliare per esser pronti all’incontro con il Signore”. Io vi dico: così vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte, più che per novantanove giusti i quali non hanno bisogno di conversione. Quanta tenerezza; lo vide da lontano: cosa significa questo? Dio interviene, ma non come io vorrei, come lui vorrà. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella pro- pria città. E cominciarono a far festa. Io mi glorio nel Signore: i poveri ascoltino e si rallegrino. Si alzò e tornò da suo padre. (…), Perché io, amministratore poco onesto, che ho sprecato così tanti doni di Dio, dovrei essere accolto nella casa del cielo? «Mentre il creato ascende… / tutto è doglia di parto / quanto morir perché la vita nasca» (Clemente Rebora). E lottare significava minare il potere di chi si sentiva superiore agli altri, appunto come i sadducei. Siamo gli alunni della comunità del seminario di Catania ed abbiamo pensato, insieme alla responsabile del gruppo OVS (Opera Vocazioni Sacerdotali), di inserire questa finestra il cui contenuto è un insieme di schemi di Adorazione Eucaristica … È possibile vivere “senza accorgersi di nulla”, di chi ti sfiora nella tua casa, di chi ti rivolge la parola, di cento naufraghi a Lampedusa o del povero alla porta. Trattami come uno dei tuoi salariati”. Allora non di una sottrazione si tratta, ma di una addizione. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Testi per la preparazione e la celebrazione della Liturgia nella solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell'universo - A. Cosa significa questo? Gesù non ha elencato gli errori di Zaccheo, non l’ha giudicato, non ha puntato il dito. inserito il 29/08/2012; 7391 visualizzazioni, 20. Perché non guarderà a me, ma attorno a me: ai poveri aiutati, ai debitori perdonati, agli amici custoditi. Io t’invoco poiché tu mi rispondi, o Dio; tendi a me l’orecchio, ascolta le mie parole. Tomaso Antonio Ursini, contatta l'autore, 11. Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine». Perché ci sia questa qualità … Adorazione eucaristica comunitaria. Il samaritano si comporta con vera misericordia: fascia le ferite di quell’uomo, lo trasporta in un albergo, se ne prende cura personalmente e provvede alla sua assistenza. Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo. Ora siamo pronti ad ascoltarlo: Dal Vangelo secondo Luca (Lc 20,27-38)   In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni sadducèi – i quali dicono che non c’è risurrezione – e gli posero questa domanda: «Maestro, Mosè ci ha prescritto: “Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello”.